Intervento cataratta: l’innovazione del laser a femtosecondi.

L’impiego del laser a femtosecondi sta rivoluzionando la chirurgia della cataratta in tutto il mondo,  in termini di sicurezza, precisione e tempi di recupero. Il laser può essere considerato un impiego della chirurgia robotica in oculistica: manovre difficili e che si compiono solo con grande esperienza e con precisione limitata vengono sostituite da procedure eseguite da macchine in modo automatico e riproducibile.

L’intervento di Cataratta con la facoemulsificazione

Nella chirurgia della cataratta tradizionale viene utilizzato il facoemulsificatore (frammentazione della cataratta ad ultra­suoni) esistono diversi passaggi chirurgici.

Si parte con l’incisione corneale che permette al chirurgo di penetrare all’interno del bulbo e rimuovere la cataratta, tramite un sottile bisturi; poi si procede con un ago ripiegato o con una pinza appuntita­ all’apertura dell’ involucro anteriore della cataratta per arrivare alle porzioni più opache e danneggiate interne del cristallino. Dopodiché si frantuma il nucleo stesso con una sottile cannula che vibra a velocità ultrasonica (facoemulsificazione); i frammenti poi vengono aspirati con un sistema di irrigazione ed aspirazione prima di introdurre il cristallino artificiale morbido nel sacco cap­sulare, cioè all’interno dell’involucro della preesistente cataratta.

La successiva visita di controllo viene generalmente effettuata 15-20 giorni dopo l’operazione. Quest’intervallo di tempo, tuttavia, potrebbe variare da un paziente all’altro e verrà stabilito dal medico caso per caso.

Visita oculistica Roma: affidati al dott. Luca Iacobelli per risolvete i tuoi problemi di cataratta! Clicca qui per maggiori informazioni.

Come funziona il laser a femtosecondi

Nelle tecniche più all’avanguardia, tuttavia, ll laser a femtosecondi viene utilizzato in tutte le fasi dell’intervento. Il laser esegue il taglio del tessuto corneale monito­rando con precisione la sua estensione e profondità.

Il laser a femtosecondi utilizza circa un milione di impulsi laser di circa 2-3 micron (millesimi di millimetro) ciascuno per eseguire un taglio della cataratta che dura 60 secondi. Emette l’energia focalizzata in un punto piccolissimo, che vaporizza migliaia di volte una piccolissima porzione di tessuto fino ad ottenere un taglio orizzontale; emettendo le vaporizzazioni in piano verticale, si ottiene un’incisione. Un taglio di una cataratta richiede circa un milione di impulsi laser di circa 2-3 micron (millesimi di millimetro) ciascuno; il tempo necessario per il taglio è di circa 60 “, circa un milione di impulsi laser di circa 2-3 micron (millesimi di millimetro) ciascuno.

Recupero dopo l’Intervento di Cataratta

Con le moderne tecniche attualmente utilizzate per l’intervento di cataratta, il recupero è piuttosto rapido: dopo un paio d’ore dall’operazione già si può tornare a casa, avendo l’accortezza di indossare occhiali da sole e di organizzare già la prima visita di controllo.

In questa fase, il medico prescriverà appositi colliri medicati (ad esempio, colliri antibiotici) che dovranno essere applicati nell’occhio interessato nelle modalità, con la frequenza e per la durata (anche diverse settimane) da esso indicati.